Tag

,

Buna ziua!

Incerc de ani de zile sa-mi gasesc un loc sub soare in Italia. Deocamdata sunt cam in penumbra…

Dar nu vreau sa vorbesc doar despre mine, pentru ca eu am o familie, o iubire, chiar o asociatie culturala din care fac parte… eu nu sunt singura. In jurul meu, insa, vad discriminari, temeri, vad lume care si-a adus, in valiza de carton virtuala, modul de gandire care m-a impins sa-mi las tara.

Vad  femei cu haine urlatoare la cer si parul vopsit, parca, cu tempera. Vad barbati beti, cu berea in mana, in parc… copii care inteleg limba parintilor lor, dar raspund in italiana… Vad si persoane care se simt in largul lor doar in familie si la slujba de duminica  dimineata.

Aud.

Aud cuvinte pe care nu vreau sa le traduc prietenilor mei italieni. Aud voci vulgare, urlatoare. Aud comentarii care traduc golul cultural si tristetea.

Simt distanta dintre doua lumi atat de apropiate, aproape identice.  Nu ma simt departe de Bucurestiul in care am urmat facultatea!  Cultura, elita, dar periferia “spirituala” si culturala.

Dar nu ma las! Iubesc cele doua patrii, cea mostenita si cea pe care mi-am ales-o. Poate Asociatia Culturala a Romanilor in Italia  “Vasile Alecsandri” va esua, sunt mai multe morile de vant decat membrii. Dar intre timp am facut ceva, nu ne-am vaitat, cerand bere si mici. 

 

Buon giorno!

 Provo da un po’ di anni a trovare un posto al sole in Italia. Per adesso sono ancora in penombra.

 Ma non voglio parlare solo di me, perché io ho una famiglia, un amore, persino un’associazione culturale cui faccio parte… io non sono sola. Tutt’intorno a me, invece, vedo discriminazioni, paure, della gente che ha portato con sé, in una valigia virtuale di cartone, il modo di pensare che mi ha spinto lasciare il mio paese.

 Vedo donne con dei vestiti stridenti e la tinta che sembra tinteggiatura. Vedo uomini ubriachi, con la birra in mano, nei parchi… bambini che capiscono la lingua dei loro genitori, ma rispondono in italiano… Vede anche persone che sono al loro aggio solo in famiglia o alla messa di domenica.

 Sento.

 Sento parole che non voglio tradurre ai miei amici italiani. Sento voci volgare, stridule. Sento dei commenti che traducono il vuoto culturale e la tristezza.

 Sento la distanza tra due mondi tanto vicini da essere quasi uguali. Non mi sento lontana dalla Bucarest, dove mi sono laureata! Cultura, l’elite, ma anche la periferia spirituale e culturale.

 Ma io non mollo! Amo le mie due patrie, quella ereditata e quella che mi sono scelta.  Forse l’Associazione Culturale dei Romeni in Italia “Vasile Alecsandri” fallirà, sono più mulini da vento che i membri. Ma in fra tempo avremmo fatto qualcosa, non ci saremmo solo lamentati, chiedendo birra e salsicce.

Annunci