Sono ancora un po’ dubbiosa su quello che vuol dire avere una doppia identità.  Forse perché ho avuto poco tempo a disposizione.

All’arrivo in Romagna pensavo, come tanti miei connazionali, di trovare un lavoro – più faticoso sarebbe stato, meglio avrei guadagnato. Avevo raccolto bene le mie informazioni, ero ospite di amiche generose, tutto doveva andare a gonfie vele. Facevo i calcoli: quanti anni di lavoro mi sarebbero bastati per risparmiare l’equivalente di un monolocale in un’area semi-centrale di Bucuresti. Anche su questo non avevo dubbi: la mia città l’ho vissuta come una vacanza forzata, volevo tornare nella capitale, dove trovare anche un lavoro gratificante. Beh, nel portafogli non è che ci sia accumulato tanto denaro… Mi sono armata con più pazienza.

Non lo so com’è successo. Ero già a Bologna, lottavo con la burocrazia, le cose non andavano tanto bene quanto a Lugo. Non pensavo più al futuro, ma come reagire al lavoro che svolgevo, da fissa, alla solitudine che mi assaliva. Unica candelina accesa, la scuola serale.

Dopo, mi ricordo soltanto questo ragazzo mite e birichino. Questa è una storia troppo intima, non so se la racconterò qui. So solo che alla sua paura di vedermi tornare in Romania ho risposto con una risata. Da quel giorno in poi sono una romena bolognese.

Non capisco molto bene il dialetto, riesco a dire a malapena una decina di parole, ma nessuno supera il mio ragù e le mie lasagne! So il nome di un bel numero di strade, a volte so anche il perché di questo nome. Poi le piazze, le chiese, qualche bel palazzo… le storie di etruschi e papi… Sono andata varie volte a San Luca a piedi (per la verità ho percorso quasi tutta la città, anche le periferie, a piedi o in autobus), quando fa caldo, prendo il gelato alla Chiusa di Lido di Casalecchio.

Ho visto il peggio in via G. Petroni e la gioia accogliente in Piazza Maggiore, parchi alla Barca e sguardi cupi alla Corticella. Adesso tutto questo fa parte di me, come il bar in Via Oberdan, le soste alla Sala Borsa, l’odore di Via Pescherie Vecchie e il sabato mattina per comprare una camicetta alla Piazzola.  

E poi c’è tutta la Romania che mi porto dentro e dietro, ma questo lo racconterò un’altra volta.

Inca nu stiu foarte bine che inseamna identitatea dubla, romana si italiana. Poate pentru ca au trecut prea putini ani…

La sosirea in Romagna vroiam, ca atati alti romani, sa gasesc un loc de munca – cu cat mai dificil, cu atat mai mult as fi castigat. Ma informasem inainte sa las Romania, locuiam la niste prietene generoase, si norocul parea de partea mea. Calculam deseori cati ani mi-ar fi trebuit ca sa pot pune deoparte destui bani ca sa-mi cumpar o garsoniera in Bucuresti, aproape de centru. Nu aveam nici o indoiala: in orasul meu ma simteam ca intr-un concediu fara plata, vroiam sa ma intorc in capitala, sa gasesc acolo un loc de munca interesant. Socotelile de acasa nu se potriveau cu cele din targ, portofelul nu era tocmai plin… dar eu aveam rabdare.

Nu-mi mai amintesc cand mi-am schimbat planurile. La Bologna era mult mai greu sa obtin actele decat la Lugo, prea multa birocratie, iar eu, in loc sa visez viitorul, ma concetram pe supravietuirea in noua casa, ca domestica fixa, unde ma simteam foarte singura. Ma simteam bine numai la scoala serala.

Apoi imi amintesc numai de pezevenghiul bland si simpatic… Nu cred ca o sa povestesc cum ne-am cunoascut si ne-am indragostit! Intr-o buna zi, mi-a spus ca ii e teama ca o sa ma intorc in Romania. Drept unic raspuns, m-am pus pe ras. Din acea zi eu sunt o romanca bolonieza.

Nu inteleg prea bine dialectul, reusesc sa spun abea vreo zece cuvinte, dar m-am specializat in ragù si lasagne. Cunoasc numele multor strazi, uneori chiar si motivele pentru care se numesc asa. La fel – piete, biserici, cate o casa monument… istoria etruscilor si a papilor… Am fost de mai multe ori la San Luca pe jos (de fapt am strabatut aproape tot orasul, pana la periferie, pe jos sau in autobus), cand e prea cald merg sa mananc o inghetata la barajul de la Lido di Casalecchio. Am vazut mizeria din strada G. Petroni  si buruia  manifestantilor din Piata Maggiore, parcurile de la Barca si imigrantii tristi din Corticella. Toate astea fac parte din mine, ca si barul din strada Oberdan si momentele petrecute la biblioteca din Sala Borsa, mirosul de peste din strada Pescherie Vecchie si inghesuiala din Piazzola, cand vreau sa-mi cumpar o bluzita.

Si-apoi este toata Romania pe care o am in mine, si in amintiri: o sa v-o povestesc alta data.

Annunci