Tag

, ,

Dovrei usare un italiano forbito, e magari un tono più istituzionale? Sono la Presidente di un’associazione culturale… ma questo è un blog cui nome, secondo me, la dice lunga. È un diario di una donna nata nel 71. Potrebbe diventare di più? Forse. Fino allora, portate pazienza, vi prego!

Il nostro Consolato sarà bellissimo! Il posto è scelto bene: Via Guelfa no. 9, proprio dietro l’Esselunga di Viale Lenin, a due passi dalla tangenziale. Lo spazio è generoso, è già bello nonostante il sotto-sopra dei lavori di adeguamento.  Ci andrò di sicuro tra due mesi, quando comincera la sua attività.

E’ un onore per la mia città, ospitare il Consolato Generale del mio paese, poiché siamo la comunità più nutrita d’immigrati. Il Console mi confermava ieri quello che io già avevo sentito sulla mia pelle: in Emilia-Romagna ci amate un po’ di più, ci siamo integrati bene, è un bel matrimonio dove, senza che sia tutto rose e fiori, ci si parla bene e si trova facilmente il modo d’andare d’accordo.

Capite quindi la mia gioia quando mi hanno chiesto di far parte dell’Ufficio Elettorale alle elezioni dei rappresentanti nel Parlamento Europeo. Non ridete mentre leggete! So cosa pensate: andare alla sezione più volte, in orari scomodi, la levataccia di ieri, contare bollettini, verificare procedure, ri-verificare documenti, stare all’erta perché non ci si faccia un uso improprio dei bollettini di voto o il timbro che ci va applicato per votare.  E poi ricontare i voti, anulare i bollettini avanzati. Trasmettere i risultati, aspettare la conferma… Tornare a casa a tarda notte… Ma quanti di voi hanno avuto l’opportunità di vedere come lavora un Console e la sua squadra, nel loro ufficio? Gente squisita e cordiale! Quanti avete sentito che la società civile che rappresentate è accolta con calore e interesse? Forse più di quanto non creda io, ma allora mi capite ancor di più.

In sintesi, oggi so meglio cosa vuol dire essere una romena bolognese: sabato ho votato da bolognese alle comunali ed alle circoscrizionali, ed ieri da romena all’estero. Per un momento ho raggiunto l’equilibrio che cercavo, in un gesto, anzi: in due.

Un episodio carino: la signora che, alle ore 20,15, si accorge di non avere con lei né la carta d’identità romena, né il passaporto, è corsa a casa, in Via Toscana, e, presi i documenti, alle 20,59, un minuto prima della chiusura del voto, espresse le sue preferenze, era raggiante!

Oggi sono più ottimista. Ho più fiducia per tutti noi, a casa lontano da casa.

Ar trebui sa scriu cu mai multa ingrijire, sa nu arunc pe hartie tot ce gandesc, fara sa ma ingrijesc de forma exprimarii? Sunt Presedinta unei asociatii culturale… dar numele blog-ului graieste de la sine. Este jurnalul unei femei nascute in 1971. Daca o sa devina altceva, rabdare! O sa schimb atunci tonul si sintaxa!

Imi place Consulatul! Este in Via Guelfa numarul 9, tocmai in spate la Supermarket Esselunga din Viale Lenin, la doi pasi de soseaua de centura. Este mult spatiu, elegant, chiar daca lucrarile de adecvare a birourilor la scopul final inca nu s-a terminat. Abia astept sa-l vad peste doua luni, cand se va deschide.

Pentru Bologna este o mare onoare sa gazduiasca consulat general al natiunii care i-a dat cel mai mare numar de imigrati. Domnul Consul imi confirma ieri impresia: in Emilia-Romagna suntem destul de iubiti, ne-am integrat mai bine decat in unele dintre altele zone ale Italiei, ca intr-o casatorie unde, fara ca totul sa mearga intotdeauna bine, exista un dialog si se gasesc solutii amiabile tuturor problemelor.

Am fost foarte fericita cand mi s-a cerut sa fac parte din Biroul Electoral pentru alegerile reprezentantilor Romaniei in Parlamentul European. Nu suradeti! Banuiesc ce ganditi: am mers de mai multe ori la sectia de votare, la ore destul de ciudate, m-am trezit foarte devreme ieri dimineata, am ajutat la numarea buletinelor de vot, la verificarea indeplinirii fiecarei conditii si a fiecarui pas al procedurii, ochii in patru… numararea voturilor, anularea buletinelor ramase neintrebuintate… asteptarea in timp ce erau transmise procesele verbale, timpul trecut pana la primirea confirmarii validitatii actelor si inchiderea deficnitiva a sectiei de vot…Oboseala cand, in sfarsit, am ajuns acasa… Dar cati dintre voi vazut “culisele” Biroului Consulului General, in prezenta Domniei Sale si a echipei consulare? (Persoane admirabile si cordiale). Cati dintre voi au simtit prietenie, caldura si interes pentru societatea civila pe care o reprezentati? Daca sunteti mai multi decat cred eu, cu atat mai bine: ma intelegeti!

Pe scurt: astazi stiu mai bine ce inseamna a fi o romanca bologneza: sambata am votat, ca bologneza, pentru alegerile administrative, iar ieri, ca cetatean roman rezident in strainatate. Pentru o clipa am gasit echilibrul pe care il caut intr-un gest, de fapt, in doua gesturi…

Un episod placut: o doamna venita sa voteze in jurul orei 20,15 si-a dat seama, dezamagita, ca nu are cu ea nici un document de identitate romanesc. Cateva minute mai tarziu ne-a sunat  sa ne anunte ca a ajuns acasa, in Via Toscana, si vine sa voteze! La 20, 59, cu un minut inainte de incheierea votarii, a intrat in fuga, si dupa ce a introdus buletinul in urna stralucea de bucurie!

Astazi sunt mai optimista. Vad intr-o lumina pozitiva viitorul nostru, celor care am gasit aici o casa, departe de casa.

Annunci