Nu stiu, proportional, cati dintre voi ati venit in Italia de placere, si cati de nevoie. Eu am venit de nevoie.

Nu am dus-o foarte rau in Romania. Dar am ramas, in putini ani, somera – de trei ori.  A treia oara mi s-a parut prea de tot. Mi-am facut valizele. In plus, era momentul sa fac ceva pentru casatoria mea. Din pacate am fost nevoita sa divortez, cand orice incercare de a o salva s-a dovedit inutila. Sora mea e calugarita aici, si mama a venit sa faca ceva bani dupa pensie: suntem patru surori, si de cand ma stiu facem echilibristica deasupra nivelului de saracie. Si in Romania, ca in restul Europei, o diploma de facultate te lasa cu mai multe datorii decat posibilitati de castig.

In timp ce studiam teologie mi-am gasit de lucru la ore. Eu speram sa fac companie de noapte unor bolnavi in spital, dar era tocmai anul in care concurenta a explodat, si putini aveau incredere intr-o domnisoara care arata cu 10 ani mai tanara.  Cum am aflat curand, lucrul la negru nu te imbogateste. M-am mutat la Bologna, ca sa fiu mai aproape de mama si sa am posibilitati mai mari de gasit de munca. O cunostinta de familie m-a acceptat ca femeie de servici fixa. A fost perioada cea mai neagra din viata mea. Ma platea cu 200  mai putin decat media. Erau draguti cu mine, imi dadeau destule ore libere, ma lasau sa dorm, sa mananc ce vreau, cereau numai sa-mi fac perfect datoria… dar si sa imbrac uniforma, sa-i servesc la masa ca pe vremuri… M-as fi obisnuit cu asta, nu e cine stie ce, dar ma deranja faptul ca nu admiteau ca batranul avea Alzheimer, ca era tot mai rau – iar eu eram nepregatita sa-i fac fata – imbracaminte intima patata, crize de “abandon”, program nerespectat, neintelegeri si santaje… Riscam chiar sa nu ma pot duce la cursuri, ceea ce ar fi insemnat exmatricularea si pierderea permisului de sedere. Fiul se astepta sa rezolv totul singura, fara ajutorul lui, negand existenta bolii. Pacat, e un baiat simpatic! Dar eu nu am rezistat, mi-am dat demisia.

M-am mutat cu mama, in camera in care statea in chirie. Proprietareasa casei, care inchiria ilegal, e o persoana insuportabila. De exemplu, era convinsa ca ajunge sa speli o singura data pe luna hainele. Ca aragazul trebuie folosit doar pentru facut cafea si minestrina in brodo. Ca televizorul este o cheltuiala inutila… Ne-a dat trei saptamani de preaviz.

Intre timp eu nu aveam de munca. Ca un facut, nimeni nu avea nevoie de femeie de servici, ci doar de badante cu cunostinte medicale solide. Am batut, si eu si mama, la toate usile de agentii, de biserici, de diverse Caritas-uri si sindicate, de cunostinte. Am gasit doua propuneri: una “la fix”, dar mi-era teama sa nu fie din nou o situatie neclara, iar eu intre timp ma logodisem, deci aveam nevoie de ceva ore si pentru el, si erau si trei copii mici, extrem de needucati, si o casa imensa. A doua propunere era doar pe timpul zilei, dar doar pentru trei luni, deci ideal pentru a castiga timp in timp ce cautam ceva mai bun: ar fi trebuit sa lucrez 11 ore pe zi, plata ar fi venit de 2,50 euro pe ora. Jumatate din minimul sindical.  Si cei din sindicat m-au dus cu zaharelul. Dupa o luna de voluntariat, mi-au promis un part-time. Promisiune a ramas.

M-am concentrat pe cautarea chiriei. Am inteles imediat ca daca suna mama, ii inchid telefonul in nas: are un accent prea puternic. Eu aveam ceva mai mult succes, pana vedeau ca vreau sa stau cu mama: toti colegii de apartament ar fi fost tineri, deci vroiau sa se distreze, nici macar nu ascultau detaliile – mama lucreaza  de noapte in spital, nu e acasa de la 19,30 la 9,30! Se apropia ziua fatidica, si ne acceptasera doar niste surori, o camera micuta la pretul unei garsoniere! Domnul s-a indurat de noi, o prietena a viitoarei mele  soacre ne-a recomandat unei vecine de treaba, care avea si ea o fiica calugarita, deci ne-a acceptat.  Garsoniera era cumplita, dar era mobilata si era numai a noastra!

Intre timp a venit la Bologna o alta sora de-a mea, care lucra “la fix”, si statea cu noi in zilele libere. Saraca, ea a trecut prin situatii cumplite la locul de munca! Cate probleme, cate umilinte! Acum e ok, lucreaza la o familie de treaba, cu program normal, cu contract in regula. S-a si mutat cu prietenul ei, un tip extraordinar.

Dupa cateva luni mi-am gasit de munca. Incet, incet, cate 3 ore, pana am ajuns sa lucrez 21 de ore!  La negru, evident! Cu un permis de sedere pentru studii, toti se gandesc ca vrei sa pleci, sau isi fac calcule privind taxele: sub 25 de ore de program e mai scump. Si permisul permite doar 20 de ore. Incet, incet, am ajund sa castig 600 de euro pe luna.

Apoi un medic m-a angajat ca secretara! Prinsesem pe Dumnezeu de un picior! Urma sa-mi faca chiar si contract in regula! Dupa 6 saptamani, situatia era clara. Domnului doctor ii placea sa isi certe angajatele in fata pacientilor, facand crize de nervi pentru o usa inchisa sau deschisa, folosind insulte dintre cele mai umilitoare… Adio, domnule doctor! Adio si jumatate din salar, pe care “a uitat”  sa mi-l dea.

A mai trecut un an si eu castigam 830 de euro. Tot la negru, tot facand curatenie. E urat cand te imbolnavesti, cand nu poti sa mergi din cauza grevei transporturilor, cand te anunta ei, pe nepusa masa, ca si-au schimbat programul, ca merg in vacanta … sau ca nu mai au nevoie de tine.  

Intre timp m-am mutat cu mama intr-un mic apartament dragut, ieftin, dar asta a fost un noroc cazut din cer! Ne-a ajutat o prietena de-a mamei.

Am cunoscut multe persoane de treaba in timpul asta, dar si persoane care au fost de treaba doar pana cand au avut nevoie de mine. Asta e, nu am pus la inima!

Apoi am inceput sa traduc o carte, platita prost, la negru, dar astea sunt detalii. Nu pot sa obtin recunoasterea diplomei de facultate, pentru ca secretara nu vrea sa-mi faca planul analitic, zice ca nu i l-au lasat profesorii, si ca au trecut prea multi ani. Deci nu pot sa traduc pentru tribunal, sau ca lucrator autonom. Am mai tradus patru carti. De data asta, neplatite.  Criza, de!

De un an si jumatate sunt mediatoare culturala in mediu spitalicesc. Asta e chiar o meserie care imi place! Am si contract! Doar atat ca trec luni in sir fara sa fie nevoie de mine, apoi ma  cheama chiar de doua-trei ori pe saptamana, uneori pentru 15 de minute, alte ori pentru o ora.

Am incercat sa obtin o diploma, deci o meserie, recunoscuta in Italia. Am platit o avere pentru un curs de receptioner de hotel, am demisionat de la familiile unde faceam curatenie, am facut trei luni de practica si am luat nota maxima. Numai dupa aceea mi-au spus ca nu se angajeaza persoane care au mai mult de 29 de ani daca nu au experienta de mai bine de 2 ani. 

Intre timp petrec ore intregi cautand de munca, trimitand CV-uri, facand cursuri la Centro Per l’Impiego… Cunosc persoane dragute, dar nu obtin nici macar promisiuni.  Socrii si-au mobilizat cunoscutii, la fel mama…

Lucrez intre 3 si 8 ore pe saptamana ca baby-sitter. 

Sunt optimista! Se pare ca se va termina criza, dupa decembrie 2010! Cand o sa am un loc de munca, daca intre timp o sa-l aiba si F. ( el e invatator suplinitor), o sa ma casatoresc si o sa ne mutam impreuna!  Asta daca mama nu cedeaza nervos pana atunci. Lucreaza 7 zile din 7, fara concediu, si sanatatea ei e cam problematica.

Non so quanti romeni sono venuti in Italia volentieri, e quanti spinti dalla necessità. Per me e la seconda.

Non me la passavo male in Romania. Ma in pochi anni ero rimasta tre volte disoccupata – e lì non c’è grande flessibilità. La terza volta ho fatto le valigie. Poi c’era anche la storia del divorzio. Mia sorella è suora qui, e la mamma guadagna arrotonda la pensione a Bologna. Ne ha bisogno, siamo in 4 figlie, e, da quando ricordo io, sempre la povertà in agguato. In Romania, come dappertutto, una laurea li lascia tanti debiti e poche possibilità.

Mentre studiavo teologia ho trovato lavoro a ore. Speravo fare compagnia di notte a degli ammalati in ospedale ma quell’anno la concorrenza è andata alle stelle, e in più io dimostro 10 anni in meno, il che non è una garanzia. Ho scoperto subito che il lavoro in nero non ti arricchisce. Mi sono trasferita a Bologna, per avvicinarmi alla mamma e avere più chance di lavoro. Ho trovato impiego come fissa, in casa a delle conoscenze. E’ stato il periodo più nero della mia vita. Mi pagavano con 200 euro in meno della media. Erano carini, mi davano le ore libere, tempo per dormire, mangiare, chiedevano solo la perfezione nel lavoro, la divisa, i modi di una volta, niente di che. Ma il signore anziano ha l’Alzheimer, e la famiglia non voleva accettarlo. Non c’è l’ho fatta – gli indumenti intimi macchiati, crisi, programmi saltati per aria, malintesi, ricatti. Anche il rischio di non poter più andare a scuola, il che avrebbe voluto dire perdere il permesso di soggiorno. Che non è facile da ottenere! Il figlio si aspettava che io me l’ha cavassi da sola, senza il suo aiuto, negando la malattia. È tanto simpatico, ma io ho dato le dimissioni.

Per un paio di mesi ho vissuto con mamma in subaffitto (illegale) in una stanzina. La padrona di casa era insopportabile: lavatrice solo una volta a mese, no TV, fornelli solo per caffè e minestrina in brodo – poi lo sfratto – 3 settimane di tempo per cercare casa.

In fra tempo non lavoravo. Nessuno cercava domestica, solo badanti con solide conoscenze mediche! Ho cercato nelle agenzie, nelle chiese, Caritas, sindacati, conoscenze… Mi hanno offerto – fissa, ma non me l’ha sentivo di nuovo, per paura, poi con tre piccoli bimbi maleducatissimi, la cassa immensa… Ero anche fidanzata da poco. Secondo, per tre mesi, lavoro di 11 ore il giorno, 2,50 euro l’ora. Metà del minimo sindacale. I sindacati: un mese di volontariato con promessa di un part-time. Chi l’ha visto?

Cercando casa, si è capito che l’accento di mamma era così forte, che la gente buttava giù la cornetta. Io avevo un po’ di successo, finché non vedevano la mamma: perlopiù giovani, volevano divertirsi. Pensare che la mamma va in ospedale alle 19,30 e torna alle 9,30! Un’amica di mia futura suocera chi ha raccomandate, la sua vicina ci ha accettate perché ha anche lei una figlia suora. Un buco, ma ammobiliato e tutto nostro.

Un’altra sorella è venuta a Bologna, lavorando come fissa, e raggiungendoci nel week-end. Lei ne ha passate di brutte sul lavoro, ma adesso ha un contratto regolare e un orario normale in una buona famiglia, e vive col suo fidanzato, un tipo straordinario.

Dopo qualche mese ho trovato lavoro, 3 ore alla volta, in nero. Per forza, alle ditte non conviene un part-time sotto 25 ore (lasciamo stare i call-center), e sono permesse solo 20, e tutti pensano che un permesso per motivi di studio vuol dire che te ne andrai presto. Sono arrivata, in tempo, a 600 euro il mese.

Ho fatto 6 settimane la segretaria di un medico! Stupendo! Avrei avuto anche il contratto! Peccato che il dottore adorava sgridare e insultare le sue dipendenti di fronte ai pazienti, per un non-niente. Sono andata via, con solo metà dello stipendio. Il resto se l’ho ha dimenticato di darmelo.

Dopo un anno guadagnavo 830 euro per mese facendo pulizie in nero. E’ brutto quando ti ammali, quando si ammalano loro, quando non puoi andarci per lo sciopero dei trasporti, quando vanno in vacanza o chiamano all’ultimo perché non hanno più bisogno.

In fra tempo vivo con mamma in un piccolo appartamento economico. Una fortuna piovuta dal cielo, l’aiuto di una cara amica!

Ho conosciuto tante brave persone, e altre che erano brave finché servivo. Poco importa!

Ho tradotto, in nero e mal pagata, un libro complicato. Non poter far riconoscere la mia laurea, perché la segretaria della mia università dice di non potermi fare il programma analitico, mi devo accontentare. Quindi niente lavoro autonomo o tribunale. Ho tradotto altri 4 libri. Non pagati. Causa: crisi.

Da un anno e mezzo faccio la mediatrice interculturale in ospedale, è un bellissimo lavoro (con contratto!). Ma non chiamano per mesi, poi chiamano per 30 minuti, o un’ora, ogni tanto.  

Allora ho fatto un corso di receptionist d’albergo, riconosciuto in Italia. Oneroso. Ho dato le dimissioni dalle “mie famiglie”, ho fatto 3 mesi di tirocinio non retribuito, e preso i massimi voti. Poi, solo, mi hanno detto che si assumono o apprendisti, o gente con più di 2 anni di esperienza.

Spendo delle ore a cercare lavoro, mandando CV, facendo corsi al Centro Per l’Impiego. Le persone sono carine, ma non mi fanno nemmeno promesse. I suoceri e la mamma cercano anche loro, tra tutti i loro conoscenti.  

Lavoro tra 3 e 8 ore a settimana come baby-sitter. 

Sono ottimista! La crisi finirà dopo il dicembre 2010! Quando avrò il lavoro, se l’avrà anche F. (maestro precario), ci sposeremo e vivremo insieme. Sempre che la mia mamma, che lavora 7 su 7, senza ferie, non crolli. La sua salute non è buona.

Annunci