Mai bine zis, ne-vot.

Ma consider o patrioata, dar nu in sensul demagogic sau militant. Apreciez mult traditiile noastre, istoria, cultura… sunt mandra ca sunt romanca, si nu o ascund nimanui, nici chiar celor care, fara sa ne cunoasca, sau judecand dupa un singur eveniment izolat, ne critica.

Nu sunt, insa, o sentimentala.  De exemplu, nu cred in utilitatea unor actiuni cu rezultat dubios. Cand nu sunt convinsa, ma informez, si, mai mult decat parerea celorlalti, conteaza datele pe care le obtin.

Ma refer la votul de ieri, 22 noiembrie. Ar fi trebuit sa votez.  Sunt departe de tara. Nu stiu prea bine ce se intampla acolo. Am cules, de aceea, informatii din presa, incepand din iunie. Am ajuns la concluzia ca nici unul dintre candidatii cu reale sanse de a fi ales  nu reprezinta sansa Romaniei de a-si reveni cel putin la limitele decentei.  Nu vreau sa intru in amanunte – ajunge sa spun ca inainte de alegerile pentru Parlamentul European aveam un favorit. Stiam ca nu este “fara pata si prihana”, dar parea unicul sincer. Dupa acrobatiile pentru a legitima o persoana care nu avea dreptul de a fi aleasa, am obosit sa consider ca favoritul meu este haituit si calomniat de presa, ci sa cred ca, poate, nu sunt toate doar calomnii.

Am decis sa nu-mi mai fie rusine de indecizia mea, la fel cum am hotarat sa fac din tristetea si descurajarea mea un stindard.

Criza din Romania nu este economica. Este culturala, sociala, politica si abia apoi economica.  Repet, iubesc Romania. Las, insa, votul celor care cred ca alegerile pot schimba ceva. Pentru ca avem nevoie de schimbari! Asa nu se mai poate! Desigur, voi respecta rezultatul urnelor, oricare ar fi el. Dar sa nu-mi ceara nimeni sa sper intr-un viitor mai bun. Nu exista conditiile necesare.

Saracii de noi…  Cine stie catre ce port, sau prapastie, ne indreptam!

Piuttosto, non-voto.

Penso di essere una patriota, ma non militante o per scopi demagogici. Apprezzo le nostre tradizioni, la storia, la cultura … sono fiera di essere romena, e non l’ho nascondo a nessuno, neanche a quelli che non ci conoscono o giudicano da un singolo evento isolato, e ci criticano. 

Non sono, tuttavia, una sentimentale. Per esempio, non credono nella utilità di un intervento con risultati discutibili. Quando non è sicuro, mi informo, e, più di chiedere il parere degli altri, credo ai dati e ai fatti. 

Mi riferisco al voto di ieri, 22 novembre. Avrei dovuto votare. Sono lontana dal paese. Non so bene cosa succede. Ho raccolto, quindi, dati a mezzo stampa, a partire dal mese di giugno. Sono giunta alla conclusione che nessuno dei candidati, con reali possibilità di essere eletti non fa il caso della Romania per recuperare almeno i limiti della decenza. Non voglio entrare negli dettagli – basta a dire che prima di elezioni del Parlamento europeo aveva un favorito. Io non l’ho consideravo  “senza macchia”, ma sembrava  l’unico onesto. Dopo le acrobazie per legittimare una persona che non aveva diritto di essere eletta, sono stanca di pensare che il mio preferito è cacciato e calunniato dai media, ma sono arrivata a  pensare che forse non tutte sono solo calunnie.

Ho deciso di non vergognarmi della mia indecisione, così come ho deciso di farmi una bandiera della  tristezza e lo scoraggiamento.

La crisi in Romania non è economica. E ‘culturale, sociale, politico ed economico. Ancora una volta, io amo la Romania. Lascio, tuttavia, il voto a chi crede che le elezioni possano cambiare qualcosa. Perchè abbiamo bisogno di cambiare! Così non si può andare avanti! Ovviamente, io rispetto il risultato dei sondaggi, qualunque esso sià. Ma non mi si chieda nessuna speranza in un futuro migliore. Non ci sono le premesse.

Poveri noi … Chissa verso quale porto, o dirupo, stiamo andando?

Annunci