Noi, donne, noi, casalinghe, noi, latini, noi, romeni, insomma, noi abbiamo un po’ l’abitudine di lamentarci, di sentirci delle vittime, magari, di nuovo, solo un po’. Non faccio eccezione.

Ho descritto all’inizio la mia situazione lavorativa. Ci farò qua un breve riassunto: sono laureata (5anni) in Filosofia, in patria. Ho abbandonato il dottorato in Estetica per motivi economici. In Romania ho avuto la fortuna di fare la docente, poi l’Assistant Manager per delle ditte che investivano soldi nella nostra formazione continua. Quei corsi mi mancano tanto, come segno della forma mentis dei datori di lavoro! Sono arrivata in Italia in giugno 2002, troppo tardi per la sanatoria. Mi sono, quindi, iscritta a un Istituto di Scienze Religiose – per avere il permesso di soggiorno e per curiosità – mi piace molto studiare. Come lavoro, dopo tante peripezie, l’unico che ho trovato è stato fare le pulizie a ore, in nero. Meno male che la Romania è entrata in Europa, almeno non ho più il pensiero di rinnovare il permesso con contratti fasulli! Giunta ormai alla saturazione ho lasciato tutto – basta lavoro non tutelato e precario! – per poter seguire un altro corso, questa volta breve, di receptionist d’albergo. Di nuovo con ottimi voti. Di nuovo senza un risultato pratico: non si assumono persone non in età di apprendistato. Ed eccomi a guadagnarmi da vivere con un contratto di collaborazione occasionale come mediatrice culturale, finanche sei ore il mese! Sono anche traduttrice – di documenti legali, letteratura per bambini, filosofia, teologia – in più lingue. Mi arrivano 2-3 cartelle da tradurre al mese.

Da sette anni cerco lavoro in modo organizzato e scrupoloso, da sette anni vado dal male in peggio.

Ma oggi sono di buon umore!

Innanzi tutto, la prossima settimana mi pagano 290 euro, non 152! Cioè si mettono insieme più ricevute! Hurrà! Tre mesi di guadagno, tutti insieme, prima di Natale! Evviva!

Il motivo principale, invece, è la chiacchierata con le mie colleghe. Pensavo che la mia situazione sia pesante perché non posso ottenere la dichiarazione di valore in loco per l’equipollenza della laurea. Errato! C’è chi ha tre master, ma gli chiedono di iscriversi al secondo anno all’università e rifare gli esami, per ottenere la laurea di tre anni! C’è chi parla più lingue di me, e, sempre con dei master, arranca con gli stessi contratti occasionali. Per chi non conosce il suddetto documento, è un semplice foglio da fare ogni volta sei chiamato per un intervento, che di norma è di una sola ora, per non più di trenta giorni l’anno, fino a 5000 euro lordi l’anno. Tutele, neanche per sogno!

Parlando con voi, care amiche arrivate dall’estero, come me, ho il quadro completo. Sento giorno dopo giorno la stessa storia – stop quadro: se questo fosse un film, sentireste con me le parole di chi ha provato di tutto, è stato ingannato, e vive di “miracoli”, non di busta paga, ma la voce cambierebbe sempre – accento bolognese, portoghese, serbo, filippino, casertano, romeno, albanese, palermitano… donna, uomo…

Il nec plus ultra è la guerra tra poveri: chi ha saputo di un concorso per un corso di formazione seguito da un contratto part-time per l’AUSL è riuscito a mantenere il segreto. Siamo decine di colleghe, anche con esperienza decennale, e nessuna di noi ha saputo niente.

Quelli che si riconoscono nel mio racconto: sappiate che non siete da solo. Siamo in tanti!

Quelli che ci spronate a “inventarci il lavoro”, a “darci da fare di più”, oppure a “cogliere il lato positivo”: fatevi vedere da uno bravo.  

Noi, femeile, noi, fara un loc de munca, noi, latinii, noi, romanii, pe scurt, noi, avem obiceiul de a ne lamenta, de ane considera victime, cel putin in parte. Eu nu fac exceptie.

Am descris intr-un alt articol situatia mea. Voi face aici un rezumat: am obtinut la Bucuresti diploma de licenta in Filosofie (5 ani). Am abandonat doctoratul in estetica, din cauza unor dificultati banesti. In Romania am avut noroc, pentru un timp: am lucrat ca preparator la universitate, apoi ca Assistant Manager pentru niste firme pentru care era important sa facem mereu cursuri de formare. Mai ales cursurile astea imi lipsesc, sunt un semn al seriozitatii care lipseste des in Italia. Am ajuns in Italia in iunie 2002, prea tarziu ca sa mai pot beneficia de sanatoria. M-am inscris, deci, la un Institut de Stiinte Religioase – ca sa obtin permisul de sedere si din curiozitate – imi place mult studiul. Dupa multe peripetii am gasit de munca doar ca femeie de servici la ore, la negru. Ce noroc ca Romania a intrat in Europa, cel putin nu mai sunt obligata sa fac rost de contracte de munca false, pentru reinoirea permisului de sedere! Cand mi s-a umplut paharul am lasat acea munca – fara nici un fel de protectie si siguranta – ca sa pot urma un curs – scurt – de receptioner pentru hoteluri. Iarasi am obtinut note excelente, si nimic mai mult: nu se angajeaza persoane care au depasit varsta uceniciei. Si iata-ma din nou incercand sa supravietuiesc cu un contract de colaborare ocazionala, ca mediatoare interculturala, ajungand pana la 6 ore pe luna! Sunt si traducatoare – de documente legale, literatura pentru copii, filosofie, teologie – in mai multe limbi. Traduc doar 2-3 pagini pe luna.

De sapte ani caut de munca, in mod organizat, scrupulos, de sapte ani cad din lac in put.

Dar azi sunt bine-dispusa!

In primul rand saptamana viitoare voi primi 290 de euro, nu 152! Adica ma vor plati pentru toate contractele! Ura! Trei luni, toate platite deodata, inainte de Craciun! Traiasca!

Motivul principal este, insa, discutia cu unele colege. Eu credeam ca situatia mea e mai grava decat a altora din cauza ca in Romania nu vor sa-mi faca dichiarazione di valore in loco pentru recunoasterea licentei in Italia. Eroare! Am cunoscut o fata de varsta mea care are trei master, dar la universitate i-au cerut sa reia facultatea din anul doi, sa dea din nou toate examenele, ca sa ii dea diploma de trei ani! Alta fata vorbeste mai multe limbi decat mine, are doua master-uri, dar se tareste cu aceleasdi contracte de colaborare ocazionale. Pentru cei care nu cunosc acest document, voi explica: este o simpla foaie de hartie, care trebuie completatat de fiecare data cand te cheama pentru un caz, care, de obicei, dureaza doar o ora, pentru un maxim de trei zeci de ore pe an, si se pot castiga cel mult 5000 brut. Nici o garantie sau protectie!

Vorbim cu voi, dragi prietene venite din strainatate, ca mine, am ajuns la o imagine de ansamblu. Aud in fiecare zi aceeasi poveste – stop: daca ar fi un film, ati auzi deodata cu mine cuvintele celor care au incercat de toate, au fost trasi pe sfoara, si traieste “din miracole”, nu dintr-un salar, dar voacea s-ar schimba mereu – ar avea accent bologniez, portughez, sarb, filipinez, casertan, romanesc, albanez, din Palermo… femeie, barbat …

Nec plus ultra este razboiul pentru o zdreanta: colegii care au aflat de existenta unui curs de formare pentru AUSL (Azienda Unità Sanitaria Locale), urmat de un contract part-time au reusit sa pastreze secretul, asa incat am aflat doar azi, si printre noi, suntem cateva zeci, sunt cateva cu experienta de mai bine de zece ani!

Celor dintre voi care se recunosc in povestirea mea, va spun ca nu sunteti singuri. Suntem multi!

Celor care insista sa “ne inventam un loc de munca”, “sa ne implicam mai mult”, sau “sa privim aspectul pozitiv”, va spun: cautati-va cu capul.

Annunci