Mea culpa: in ultimul timp gandesc si scriu in limba italiana, si abia apoi in varianta romana.  In casa vorbesc romaneste, cu mama, si fac din cand in cand traduceri. Cu toate acestea sunt, fara a face vreun efort voluntar, tot mai italianca.

Duminica trecuta am participat, in public, la un spectacol de muzica si joc popular din Maramures, cu ocazia zilei noastre nationale, organizat de invitatii unor prieteni din alta asociatie de voluntariat. Eu sunt din Oradea, deci primul impact a fost cel emotional… dar imediat apoi am reactionat ca orice italian care iubeste cat de cat muzica.  Adica cu oroare. Fetele au intrat jucand cu drag, cantant cu o voce curata si potrivita, dar la intrarea baietilor a inceput cosmarul. Erau toti beti, cu fata rosie si ochii sclipitori, cu vocile nesigurile si tonalitatea gresita. In loc de un cor se auzeau incercari disperate de gasi nota corecta.  Impresionant, pana la durere. Fizica. De burta. Noroc cu violonistul si cel de la zongora! Tineam pumnii stransi sa ramana ei pe scena, cantau bine si din suflet! Nu comentez nimic despre solista. Gusturile nu se discuta.

Vedeti, in Italia toti au un hobby, un talent pe care il cultiva in timpul liber. Foarte multi canta la voce sau la instrument, altii picteaza, multi fac sport. Toti ajung la nivele mai mult decat acceptabile, multi nu trec la profesionism numai din cauza ca au nevoie de un castig sigur si constant, ca sa poata sa-si intretina familia. Sunt seriosi, studiaza si exerseaza mult.  Nu pot sa spun acelasi lucru despre Romania. Noi mai avem mult drum de facut pana sa descoperim imbinarea dintre gratuitate si frumos. Multi conationali, cand le povestesc activitatile meale ma intrerup, cu multa educatie, ca sa ma intrebe: “Te platesc bine?”

Mea culpa: eu gandesc in (ca o ) italiana, si abia apoi traduc frazele, si conceptele, in limba romana.

Mea culpa: da un po’ di tempo penso e scrivo in italiano, solo dopo faccio la versione romena.  A casa parlo il romeno, con la mamma, e ogni tanto scrivo delle traduzioni. Nonostante questo sono, senza uno sforzo conscio, sempre di più italiana.

La domenica scorsa ho partecipato, dal pubblico, a uno spettacolo di musica e balli popolari del Maramures, per l’occasione della nostra festa nazionale, organizzata sull’invito degli amici di un’altra associazione di volontariato. La mia famiglia è di Oradea (vicino a Maramures), quindi la prima reazione è stata quella emozionale …. subito dopo ho reagito come qualsiasi italiano che ama un po’ la musica. Cioè con orrore. Le ragazze sono entrate in scena ballando con l’anima, cantando con una voce pulita e l’intonazione giusta, ma all’ingresso degli uomini è cominciato l’incubo. Erano tutti ubriachi, col volto rosso e l’occhio lucido, con voci calanti e grezze. Al posto di un coro c’era il tentativo disperato di beccare almeno una nota. Impressionante, fino al dolore. Fisico. Di pancia.  Che fortuna il violinista e colui con la zongora! Tenevamo le ditta incrociate che rimanessero loro in scena, suonavano e cantavano così bene! Non dirò niente della solista vocale, i gusti non si discutano.

Come sapete, in Italia tutti hanno un hobby, un talento da coltivare nel tempo libero. Tantissimi cantano o suonano, altri dipingono, tanti fanno uno sport. Tutti raggiungono risultati più che accettabili, tanti non diventano professionisti solo perché hanno bisogno di sicurezze materiali per le loro famiglie. Sono seri, studiano, si esercitano parecchio. Non posso dire la stessa cosa sui romeni. Abbiamo ancora tanta strada da fare fino a scoprire l’unione tra gratuità e bello. Tanti connazionali mi chiedono, quando racconto ciò che sto facendo: “Ma ti pagano bene?”

Mea culpa: io penso in (come un) italiano, e solo dopo traduco le frasi ed i concetti in romeno.

Annunci