Giornata straordinaria, nonostante sia arrivata solo a metà.

Sveglia tardi, alle 8,45, tanto oggi (sic!) non lavoro. Apro la finestra e mi entusiasma il bianco. Da brava massaia, corro ad aprire tutte le finestre della casa per gustarmi l’aria da favola.

E qua comincia l’avventura: la mia casa e semi-mansardata. Non è così facile aprire le finestre del bagno, con uno spano di roba bianca e luccicante ugualmente espansa su tutto ciò che sta in alto. Mi attacco con decisione alla finestra, la quale si apre per un secondo, poi si richiude. Non paga, tiro con la sinistra in giù la finestra, mentre con la destra adopero la paletta per raccogliere le briciole (quella rossa), per spingere la neve in giù. Più aggiornata su le leggi della fisica, la neve cade – giù. Cioè addosso a me, nel bagno.

Così si spiega la prima parte del titolo.

Segue però l’entusiasmo da infante: devo fare delle foto. Tutte le altre finestre della casa sono aperte, con la buona pace di eventuali virus: ovviamente sono in pigiama e pantofole. Non mi ero nemmeno lavata i denti, chi ne ha il tempo!

Torniamo alla finestra del soggiorno. Anche questa è situata in alto, ma non è mansardata, per cui offre una magnifica visuale sul piccolo terrazzino e i tetti. Scatto le foto. Per la verità, urlo di gioia e salto come una forsennata, mentre pigio all’impazzata sul pulsante della camera.  Mi viene l’idea geniale: uscire sul terrazzino per scattare delle foto più spettacolari. Ma non in pigiama: meglio in tutta da sci e tronchetti. Detto – fatto, su con la scala. Le foto sono tutte uguali, ma questo non ferma la canzone stupida che, probabilmente, ha svegliato tutti gli incolpevoli vicini. Sono uguali anche perché non voglio calpestare la neve del terrazzino, sto in equilibrio sul piede destro, genuflessa sotto la grondaia.

Torno nel bagno. Le foto fatte da sotto non mi convincono. Attacco alla finestra un mestolo e tiro con la sinistra, mentre scatto delle foto con la destra.

Per niente raffreddata o giudiziosa, chiudo le finestre e scarico le foto su Picasa. Tutto fatto sul momento: pagina, impostazioni, indirizzi… In pigiama, ma con il caffè accanto: sono già passate le 11,40!

Tralascio altre attività del giorno, come fare il bagno cantando “Sono la tartaruga”.

Cucino, mangio.

Ma mamma, tornata finalmente dai suoi giri, non è contenta della finestra del bagno. Si deve pulire meglio! Prende la schiumarola (Ingenui, pensavate che abbia fatto tutto da me? Macché, la follia è ereditaria!) e saltella, tenendo ferma la finestra con la sinistra, per spingere giù la neve con la destra. Non arriva bene. Prende una sedia e ricomincia. Questa volta con successo: la neve, invece, memore delle lezioni su Newton, gli cade addosso con grazia e dolcezza (altroché i miei modi bruschi!). La mia mamma nevica nel bagno!

O zi extraordinara! Si am ajuns doar la jumatate!

M-am trezis tarziu, la 8, 45, ca doar astazi (sic!) nu lucrez. Deschid fereastra dormitorului si cad in extaz, vazand totul alb. Ca o gospodina practica, ma grabesc sa deschid  toate ferestrele casei, ca sa patrunda aerul cel atat de curat.

Si acum incepe aventura: apartamentul este semi-mansardat. Ferestrele de la baie nu sunt tocmai usor de deschis, acum cand totul e acoperit de o schioapa de stralucire alba. Ma atarn cu decizie de fereastra, care cedeaza doar pentru o clipa, apoi se inchide de la sine. Nu e bine! Cu bratul stang trag iar de fereastra, si cu dreapta manuiesc lopatica cea rosie de strans firmituri, ca sa imping zapada. Dar zapada cunoaste mai bine ca mine legile fizicii, si cade. Jos. Adica peste mine, in baie.

Asa se explica prima parte a titlului.

Doar ca ma cuprinde entuziasmul de tanc: trebuie sa fotografiez tot. Toate celelalte ferestre ale casei sunt deschise, ignorand eventualii virusi: sunt in pijama si papuci. Nu m-am oprit nici macar ca sa ma spal pe dinti.

Sa ne intoarcem la fereastra sufrageriei. E destul de inalta, dar nu mansardata, asa incat se vad balconasul si acoperisurile caselor. Fac fotografii. De fapt urlu de bucurie, si sar ca o nebuna in sus si in jos, in timp ce apas spasmodic pe butonul camerei foto. Imi vine o idee geniala: sa ies pe balconas ca sa obtin imagini mai spectaculoase. Dar nu in pijama, ci in salopeta de ski si botine. Zis si facut, sus pe scara. Toate pozele sunt identice, dar asta nu e un motiv suficient ca sa ma opresc din tiuit cantece de sezon, trezind vecinii. Pozele sunt identice si pentru ca nu vreau sa las urme pe zapada, deci stau in echilibru pe piciorul drept si aplecata sub streasina.

Ma intorc in baie.  

Fotografiile facute stand sub geam nu ma conving. Atarn de maner un polonic, trag in jos cu mana dreapta si fac poze.

Nu simt nici un pic de frig si nu mi-a venit mintea la cap! Inchid ferestrele si, imediat, pun pozele pe Picasa. Fac totul pe moment: pagina noua, setarile, adresele … In pijama, dar cu cafeaua alaturi – intre timp a trecut de ora 11,40!

Trec peste momente mai putin glorioase ale zilei, cum ar fi balacitul in vana, cantand “Sunt broasca test/ Sunt broasca test/ Sunt broasca testoasa…”.

Gatesc si mananc ceva in graba.

Mami se intoarce, in sfarsit, acasa – nu-i place fereastra de la baie asa cum e. Trebuie curatata cu mai multa convingere! Ia lingura de spuma (Doar nu credeati ca sunt singura ciudata in familie? Neuronii electrocutati sunt ereditari!) si sare in sus si in jos, in timp ce tine manerul geamului cu stanga, ca sa impinga zapada deoparte cu dreapta. Nu ajunge pana sus. Se suie pe un scaun de bucatarie si reincepe. De data asta, cu succes: dar zapada, aducandu-si aminte de lectiile despre Newton, cade domol si cu efect peste ea (cu mai multa clasa decat pot pretinde ca au provocat gesturile mele). Mama mea ninge in baie!

Annunci