Da venerdì mi trovo a parlare con amici del senso della vita.  Per questo devo ringraziare una ragazza cui nome non so nemmeno come si scrive, perché viene da Taiwan, e ai tanti problemi che ci stanno inseguendo, a tutti noi.

Ci sono dilemmi, incubi del passato, crisi di valori in tutta la società o solo nella nostra coscienza, tanti bisogni che non trovano un compimento. Ci accomuna anche la precarietà lavorativa e finanziaria. I miei amici sembrano vivere anche la precarietà dei sentimenti… Davanti a tanta cupezza e incertezza, le mie sicurezze, così fragili, hanno nuova luce, e posso dire ad alta voce le parole che mi sto dicendo da sola da un  po’: IO NON HO PAURA. Non voglio vivere come un sorcio, solo perché la sfortuna mi sta sempre alle calcagna.

Non lo so perché, mi basta incontrare qualche persona intelligente e gentile, e sono felice.

(Un giorno scriverò anche qual è, per me, il senso della vita.)

Incepand de vineri vorbesc cu prietenii despre sensul vietii. Am inceput sa o fac datorita unei fete, careia ii sunt recunoscatoare, dar nu stiu nici macar sa-i scriu numele, pentru ca vine din Taiwan,  si datorita numeroaselor probleme care ne haituiesc pe toti.

Dileme, cosmaruri venite din trecut, criza valorilor intregii societati, sau doar ale constiintei noastre, atatea nevoi care nu-si gasesc rezolvarea. Avem in comun si ocupatia si situatia financiara precara. Prietenii mei par sa aiba si sentimente precare… Vazand atata tristete si nesiguranta certitudinile mele, atat de fragile, devin puternice, si pot sa spun cu voce tare ceea ce gandesc de mult: NU MI-E FRICA. Nu vreau sa traiesc ca un sobolan in gaura, numai pentru ca sunt urmarita de ghinion.

Nu stiu de ce: imi ajunge sa intalnesc oameni inteligenti si draguti ca sa fiu fericita.

(Intr-o buna zi o sa-mi iau inima in dinti ca sa scriu si care este pentru mine sensul vietii.)

Annunci