Prietena cu care mi-am petrecut dupa-masa de ieri e sud-americana. A fost sefa de promotie, iar acum patru ani a facut un master cu Zamagni, un economist important, aici, la Bologna. Suntem colege la asociatia mediatoarelor interculturale.

Nu s-a laudat niciodata, informatiile acestea le-am aflat ieri, din intamplare. Tot ieri am vazut si contractul ei de munca: colaboratoare domestica, 25 de ore. (Contractul pe care l-am avut si eu anii trecuti). Unicul comentariu pe care pot sa il fac este sa redau intrebarea celei mai bune prietene a ei, colega noastra din Taiwan: “voua nu vi se pare uneori ca visati, ca ceea ce ni se intampla nu poate fi real?”.

Eu incerc sa ma comport ca si cum totul ar fi normal, dar seamana prea multcu o comedie a erorilor. Sau cu un cosmar. Numai ca daca ar fi un cosmar, tot ceea ce am construit in ultimii 7 ani ar disparea ca un fum, si eu, poate, as fi directoarea unui mic centru de informare in Romania, singura, trista, moarta pe dinauntru. In situatia asta nu pot nici macar sa regret, sau sa resping ceea ce mi se intampla. Nu pot arunca apa murdara fara copil. Ma intreb,  doar, de ce trebuie sa aleaga altii pentru mine, iar eu trebuie sa inghit si sa zambesc.

Ieri ho passato il pomeriggio con la mia amica sudamericana. Lei è stata la prima nel suo anno, all’università, poi, quarto anni fa ha seguito un master con Zamagni, un importante economista, qua, a Bologna. Siamo colleghe all’associazione delle mediatrici interculturali.

Non si è mai vantata, queste informazioni le ho scoperte ieri, per caso. Sempre ieri ho visto il suo contratto di lavoro – collaboratrice domestica, 25 ore. (Il contratto che ebbi io due anni fa). L’unico commento che mi passa per la mente è la domanda della sua migliore amica, la nostra collega di Taiwan: “Non vi sembra a volte di sognare, che tutto quello che viviamo non può essere reale?”.

Io provo ad andare avanti come se tutto fosse normale, ma assomiglia troppo ad una commedia degli errori. O con un incubo. Soltanto che, se fosse un incubo, tutto quello che ho costruito negli ultimi 7 anni scomparirebbe. Forse io sarei la direttrice di un piccolo centro di documentazione e ricerca in Romania, sola, triste, morta dentro. Oggi non posso nemmeno rimpiangere o respingere quello che mi sta succedendo. Non posso buttare l’acqua sporca senza che ci sia di mezzo anche il bambino. Mi chiedo, soltanto, perché devono sempre decidere gli altri per me, e a me tocca mandare giù e sorridere.

Annunci