Credo fortemente in Dio. Per chi mi ha conosciuta anni fa, o per chi ha appena letto i miei post dalla cupezza insita, questo può sembrare sorprendente. Ad un’eventuale domanda perplessa, risponderò con le parole di Reinhold Messner: fare (o credere) quello che uno considera più adatto per se non da la felicità, ma la libertà e la vita. Credere in Dio non rende felici. Semmai, a volte è il contrario, è come una luce forte che ti fa vedere e sentire più forte il dolore, soprattutto quello degli altri e del mondo. Ma ti rende libero e fiero, ti rende vivo.

Sono abitata da due face della stesa medaglia. Sono triste e ipercritica, ho una scarsa autostima e tante insicurezze – ma perché l’altra me sente il desiderio di pienezza, sente il mondo come polmone e Dio come vicino di casa, sente il coraggio di non accettare mai briciole dalla vita, di chiedere, soprattutto a se stessa, sempre di più. Non sarò mai contenta di me. Di altri, spesso. Io ho ricevuto troppo per poter accettare pacatamente la mia impotenza. Io valgo poco, ma i miei talenti, le mie conoscenze, i doni che Il Signore e la mia famiglia, la convivenza con persone sagge e generose mi hanno dato, meritano di più. Più imparo, più miglioro, più chiedo. È ovvio che adesso, chiedendo, ricevo solo amore e nuovi sensi da ferire nei limiti che mi circondano. Ma so che non posso smettere di chiedere. So che la mia infelicità e la premessa de la mia felicità. Come diceva Nicolae Labis, il mio poeta stendardo, “noi, no/noi no,/ noi, mai!”. Mai accetterò di fermare questa mia sofferenza addormentando l’acutizzarsi dei miei sensi, mai potrò soffocare me stessa. Perché non mi è possibile farlo.  

Per rendere tutto più chiaro: cerco, sì, lavoro, di nuovo, come domestica, perché so che non troverò mai d’altro, e mi va bene, ma non per questo non lotto giorno dopo giorno per migliorarmi. Se nella società attuale questo non è un valore, se il suddetto miglioramento non porta ad un miglior impiego e a migliori guadagni, è la società ad essere matta, non io.

Non me ne frega niente del giudizio degli altri. M’importa solo moltissimo di non offendere qualcuno con la spavalderia con la quale mi propongo al mondo. Lo diceva San Paolo: tante cose non sono sbagliate, non sono peccato, ma possono trarre in inganno i più deboli, quelli che giudicano dalle apparenze. Non voglio offendere nessuno. Vorrei soltanto che quelli che non capiscono niente mi togliessero il fiato dal collo e smammassero. Voglio andare d’accordo con gli altri, mi piace stare in mezzo alla gente. Ma non a tutti, indiscriminatamente. Se a qualcuno non piaccio, che guardi da un’altra parte.

Leggevo pochi instanti fa uno studio sulla felicità. Senza un nesso apparente, mi sono accorta che il mio amore per le montagne è lo specchio della mia anima. Amo la Val Venosta. Non, non la amo. Io sono la Val Venosta. È il posto più bello del mondo. Vabbe’, amanti dei Dolomiti, le “vostre” montagne hanno la maestosità delle rocce strapiombanti, sono un bene dellumanità. Ma io ho l’umile vallata povera con strade strette troppo trafficate e timidi frutteti, i pascoli semplici e piccoli. Io ho la strada che i romani hanno costruito pagando con del sangue, contro i selvaggi contadini venostes. Ho i pendii arsi dal sole e dal disboscamento secolare. Ho la povertà dei montanari che hanno appena un fazzoletto da terra da sfruttare per ottenere il fieno. Ma ho le acque spavalde che ignorano la geologia, ho i venti che buttano a terra il passante, ho una cima dietro ad una cima dietro ad una cima, dalla dolce muta al reale Ortler, ho le chiese di pietra povera e la creatività dei miei pietrosi abitanti. Ho il calore ed il ghiaccio, l’amichevolezza e l’aggressività, la collaborazione ed il sospetto. Ho dei contrasti che messi insieme generano dolcezza. La mia valle è fatta di tante valli diverse una dall’altra. La mia valle è un mondo dove manca un’unica cosa: la codardia.

Se non avete capito niente, vuol dire che voi siete un’unica cosa, non mille, come me, o forse siete il mare a Riccione in agosto, o la pianura con la sua nebbia ingolfante. Ciascuno con il suo destino. Per me la pace è calpestare la roccia instabile che ha appena toccato un bambino che portava le mucche a pascolare a 2000 metri di altezza, dove si fa fatica a trovare acqua ed ombra. È un istante nato dall’intersecare di mille istanti. È l’ebbrezza di essere.

Cred cu tarie in Dumnezeu. Pentru cei care m-au cunoscut mai demult, sau pentru cei care citesc anumite post-uri cu ton plumburiu poate sa para ciudat. Raspund unei eventuale intrebari contrariate, cu cuvintele lui Reinhold Messner: a face (sau a crede) ceea ce fiecare considera potrivit pentru sine insusi nu produce fericire, ci libertate si viata. A crede in Dumnezeu nu daruieste fericire. Uneori e tocmai pe dos, ca un fel de luce atat de puternica incat nu poti sa nu vezi si sa nu simti si mai acut durerea, mai ales  durerea celorlalti si a lumii. Insa esti mandru si liber. Esti viu.

Sunt locuita de doua fete ale aceleiasi medalii. Sunt trista si hipercritica, cu o autostima lamentabila si multe nesigurante – pentru ca cealalta “eu” debordeaza de dorinta de deplinatate, are lumea intreaga drept plaman si pe Dumnezeu ca vecin, e imbarbatata de curajul de a nu accepta doar resturi de la viata, de a cere, mai ales de la ea insesi, tot mai mult. Nu voi fi niciodata multumita de mine insami. De altii, deseori. Am primit prea mult ca sa pot sa-mi accept in pace neputinta. Eu nu valorez mult, dar talentele mele, cunostintele, experientele, darurile pe care mi le-au facut Dumnezeu, familia mea si frecventarea unor persoane generoase si intelepte merita mai mult. Cu cat invat mai mult, cu cat progresez, cu atat pretind mai mult. Evident, acum, cand cer, primesc doar dragoste si acutizarea simturilor care se ranesc in limitele care ma blocheaza. Dar stiu ca nu pot sa incetez sa cer. Nefericirea este premiza fericirii. Spunea Labis, stindardul meu-poet “Noi nu, noi nu/ Noi niciodata nu!”. Nu o sa accept niciodata sa pun capat  suferintei sedand ascutirea simturilor, niciodata nu o sa pot sa ma sufoc. Nu imi este posibil.

In cuvinte mai inteligibile: caut de munca ca si femeie de servici, pentru ca am inteles ca nu voi mai gasi niciodata ceva mai bun, si accept aceasta situatie, dar aceasta nu inseamna ca lupta mea s-a incheiat, ca nu incerc zi de zi sa cresc. Societatea actuala accepta drept crestere doar imbunatatirea pozitiei sociale, a locului de munca si a castigurilor banesti – societatea e nebuna, nu eu!

Nu ma intereseaza ce gandesc ceielalti despre mine. Ma intereseaza in schimb foarte mult sa nu ranesc din greseala pe cineva prin mandria cu care ma prezint lumii. Apostolul Pavel spunea ca sunt multe care nu sunt greseli sau pacate, dar pot nedumeri si face sa greseasca pe cei mai slabi, care judeca luandu-se dupa aparente. Nu doresc sa jignesc pe nimeni. Mi-as dori doar ca cei care privesc mereu in ograda altora, dar nu inteleg nimic din ceea ce vad, sa plimbe ursul. Imi place sa stau printre oameni, dar nu cu toti. Cui nu-i place, sa nu se uite.

Citeam acum cateva minute un studiu asupra fericirii. Fara nici o legatura aparenta, mi-am dat seama ca iubirea mea pentru munti este oglinda sufletului meu. Iubesc Val Venosta. Nu, nu o iubesc. Eu sunt Val Venosta. Este locul cel mai frumos din lume. Sigur, amanti ai Dolomitilor, muntii “vostri” au maiestatea stancilor perpendiculare pe cer, sunt un bun al umanitatii. Dar eu am valea umila si saraca cu drumuri stramte potopite de trafic si livezi timide, pasuni simple, mici. Am drumul pe care romanii l-au construit platindu-l cu sange, contra salbaticilor tarani venostes. Am versantii arsi de soare si de deforestare seculara. Am saracia muntenilor care au abia un petic de pamant de lucrat, ca sa obtina fan. Dar am apele impetuoase si mandre care ignora geologia, vantul care doboara la pamant pe trecator, am o culme pe umerii altei culmei pe umerii altei culmi, de la un con de ghetar la Imparatul Ortler, am bisericile de piatra saraca si creativitatea locuitorilor mei cei pietrosi. Am caldura si gheata, prietenia si agresivitatea, colaborarea si suspiciunea.  Am contraste care, impreuna, dau nastere dulcetei. Valea mea e facuta din multe vai diferite intre ele. Valea mea e o lume unde lipseste doar lasitatea.

Daca nu ati inteles nimic, poate voi sunteti mai simpli, sunteti un singur lucru, nu o mie, ca mine, poate sunteti  plaja din Riccione in august, sau campia acoperita de ceata. Fiecare cu destinul lui. Pentru mine pacea inseamna sa calc pe o piatra instabila pe unde a trecut cu putin inainte un copil care ducea vacile la pascut la 2000 de metri, unde apa si umbra sunt greu de gasit. E o clipa nascuta din intersectia a mii de clipe. E betia de a fi.

Annunci