Siamo alla solita domanda: visto i grossi problemi lavorativi e la crisi, non pensi che sarebbe opportuno tornare in Romania?

E Flavio? Vi siete dimenticati della sua esistenza?

Ma la situazione economica della Romania è superiore in qualcosa a quella italiana? La disoccupazione è controllata solo tramite emigrazione! La vita è cara: le tariffe del riscaldamento centralizzato delle abitazioni sono lievitate del 10%. Gli esperti hanno calcolato che il costo mensile del riscaldamento di un appartamento con tre vanni supera il salario minimo nazionale, cioè 600 lei. Il riscaldamento essendo centralizzato nella stragrande maggioranza delle abitazioni l’unico modo per risparmiare qualcosa è rinunciare del tutto al servizio.

I motivi della mia partenza sono problemi irrisolti. Non si tratta solo della mancanza di un posto di lavoro o della speranza di guadagnare abbastanza soldi da poter migliorare in maniera significativa la propria vita. Lasciamo perdere il fatto che il mio profilo professionale non è richiesto né in Italia, né in Romania, non cambia niente… Ho lasciato il paese per l’atmosfera soffocante: corruzione, deregolamentazione, decadimento culturale e sociale… le notizie che mi pervengono da famigliari, amici e giornali parlano addirittura di peggioramento.

Due osservazioni. La prima notizia non è univoca, per me significa un segnale della lentezza della giustizia romena (già, l’argomento scotta). (www.stiri.ro) Cito: “Costică Argint, uno dei leader della  comunità rom in Italia, sarà estradato in Romania. Argint è stato condannato nel 2002 a tre anni e sei mesi di prigione per le infrazioni di oltraggio, grave lesioni, violazione di domicilio e disturbo della quiete pubblica, […] lo scandalo nel quale fu coinvolto nel 1997 nel villaggio natale Gagesti (Vrancea) ha portato al grave ferimento di due persone.

Soltanto 13 anni?  Mi sento stracolma di fiducia!

Non si può vivere senza la fiducia. La fiducia che la tua casa non ti sarà portata via, che avrai un posto di lavoro anche domani, quindi da mangiare, che il merito ha il suo peso, che ci sia un minimo di giustizia sociale, di diritto…

Questo mi porta alla seconda notizia, quella dell’elezione di Florica Bejinaru come Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. La signora ha riconosciuto apertamente che ha collaborato durante il regime Ceausescu con la Securitate, la polizia politica. Che diritto morale ha di occupare quella poltrona?

Come si può vivere in un paese in quale non può più esserci rispetto incondizionato?

L’ultimo motivo è quello sentimentale: mi sento italiana. Qui sono rinata. Qui sono me stessa.

Non voglio spiegare di nuovo, per l’ennesima volta, come e quanto mi sento romena, e quanto amo la mia prima patria. Adesso sono italiana!

Dar nu te gandesti sa te intorci in Romania? Italia nu ofera oportunitati, din cauza crizei si a sistemului antic…

Si Flavio? Ati uitat de existenta lui?

Dar situatia economica din Romania, prin ce este superioara celei din Italia? Somajul este controlat doar prin plecarea fortei de munca in strainatate! Si viata e scumpa: tarifele la energia termica s-au scumpit din 1 ianuarie, in multe parti din tara, cu 10%. S-a calculat ca pretul intretinerii pentru un apartament cu trei camere a depasit salarul minim pe economie, in jur  de 600 de lei. Nu exista posibilitatea unei incalziri independente, deci pentru a economisi, unica solutie este renuntarea la incalzire.

Dar motivele pentru care am plecat din tara? Nu s-au rezolvat intre timp. Nu ma refer doar la cautarea unui loc de munca sau a castigarii unei mari sume de bani, care sa permita o imbunatatire a nivelului de trai. In afara de faptul ca profilul meu profesional nu are cautare nici acasa, nici aici, deci schimbarea (din nou) a domiciliului nu rezolva nimic. Am plecat din tara pentru ca admosfera devenise sufocanta. Coruptie, lipsa de reglementare, decadere culturala si sociala… Stirile care imi ajung la ureche, fie de la prieteni si rude, fie din ziare, vorbesc despre o inrautatire a situatiei.

Doua observatii scurte. Prima stire ar putea fi citita in multe alte feluri, eu ii atribui calitatea de semnal a lentorii justitiei romane (stiu, vorbesc de funie in casa spanzuratului).  Citez: “Costică Argint, unul dintre liderii comunităţii romilor din Italia, va fi extrădat în România. Argint a fost condamnat în anul 2002 la trei ani şi şase luni de închisoare pentru săvârşirea infracţiunilor de ultraj, vătămare corporală gravă, violare de domiciliu şi tulburarea liniştii publice, […]scandalul în care fusese implicat acesta în 1997 în comuna natală Găgeşti (Vrancea) s-a soldat cu rănirea gravă a două persoane.(www.stiri.ro)”

Mai, sa fie, numai 13 ani!Imi strarneste increderea!

Ca sa traiesti, ai nevoie de incredere. Incredere ca nu iti ia nimeni casa, ca vei avea de munca, deci de mancare, si a doua zi, ca meritul are importanta, ca exista un minim de justitie sociala, de dreptate…

A doua stire se refera la alegerea Floricai Bejinaru ca Presedinte al Consiliului Superior al Magistraturii. Doamna a recunoscut in mod deschis colaborarea sa cu Securitatea. Ce drept moral are sa ocupe aceasta functie?

Cum se poate trai intr-o tara in care respectul nu mai poate fi neconditionat?

Ultimul motiv este ca ma simt italianca. Aici am renascut. Aici sunt eu.

Nu vreau sa explic din nou (a cata oara?) cum si cat sunt romanca, si cat iubesc prima mea patrie.  Sunt italianca acum!

Annunci