Questa settimana ho conosciuto A. È moldava, ha preso dei soldi in prestito da uno strozzino ed è venuta a lavorare in Italia ad agosto. Da allora sta male e pensa al suo marito ed a suoi due ragazzi, una femmina ed un maschio, ed ai soldi che mancavano già prima. Ha lavorato solo dieci giorni.

Mi ha commossa, ma non posso non chiedermi perché persone che non parlano la lingua, non conoscono nessuno, non hanno una professione richiesta, non hanno un contratto e nemmeno un contatto ignorano le notizie che impazzano su tutti i giornali e su tutte le reti televisive – la crisi ha colpito duramente anche l’Italia e la disoccupazione sta crescendo, le famiglie sono sempre più povere e non possono più permettersi un aiuto domestico. Potrei capire se si trattasse di paesi colpiti dalla guerra o di persone che vedono calpestati i loro diritti elementari…

La terza volta che ci siamo incontrate, mi ha detto timidamente che nei giorni in qui ha lavorato tremava, ogni volta che prendeva un piatto nelle mani temeva di non fare qualcosa di sbagliato, che la padrona gli dicesse che non fa bene il suo lavoro.

Nella mia ingenuità ho capito solo allora che vivo la stessa paura, che mi fa tremare all’idea di affrontare un ipotetico colloquio di lavoro o di ragionare di nuovo sulla possibilità di prendere la patente. Non dubito delle mie qualità, ogni volta che scendo in campo face bene quello che faccio, ma mi fa tremare l’idea di stare in una stanza con una persona che m’incalza con delle domande serrate. Tanto i colloqui non arrivano nemmeno…

Ho fatto qualche ora di pulizie, sostituendo una persona andata in ferie. Più in là farò la baby sitter e la dog sitter, quelle volte che dei genitori devono uscire la sera. Probabilmente si tratterà di una o due sere il mese, di prevalenza di sabato, l’unica sera che io e F. trascorriamo insieme. Che stupido, mi ritrovo a fare lavori che di solito fanno le liceali! Bel presente, bel futuro!

Saptamana aceasta am cunoscut-o pe A. Este moldoveanca, din Chisinau. In august a luat bani imprumut de la un camatar si a venit in Italia sa caute de munca.  De atunci nu se simte bine, se gandeste tot timpul la sotul ei si la cei doi copii, un baiat si o fata, si la bani. A lucrat doar zece zile.

M-a induiosat, dar ma intreb cum de persoane care nu vorbesc limba italiana, nu cunosc pe nimeni aici, nu au o meserie cu cautare, nu au un contract sau macar un contact ignora complet stirile din ziare si TV – criza a lovit serios si Italia, lumea pierde locul de munca, tot mai putine familii isi permit un ajutor acasa. As intelege daca ar fi vorba de provenienti din tari unde se duc razboaie, sau locuri unde nu se respecta nici cele mai elementare drepturi umane…

Cand ne-am intalnit a treia oara, A. mi-a spus, timid, ca, in putinele zile in care a muncit, de fiecare data cand lua o farfurie in mana incepea sa tremure, de frica ca nu cumva patroana sa-i spuna ca nu lucreaza bine.

In naivitatea mea, am  inteles abia atunci ca si mie imi e la fel de teama cand ma gandesc ca as putea participa la un interviu pentru un loc de munca sau as putea incerca din nou sa fac scoala de soferi. Imi cunosc calitatile, de fiecare data cand sunt puse la incercare fac treaba buna, dar tremur la ideea de a sta inchisa intr-o camera cu o persoana care-mi pune intrebari agresive. Oricum, nici nu se pune problema unor interviuri…

Am facut cateva ore de curatenie, inlocuiesc o persoana plecata in vacanta, apoi familia ma va chema ca baby sitter si dog sitter in serile in care au program in oras. Probabil este vorba de o seara sau doua pe luna, mai ales sambata, unica seara in care reusesc sa ma intalnesc cu logodnicul meu… Ce situatie ridicola, de obicei asa muncesc liceencele!  La asa prezent minunat, asa viitor luminos!

Annunci