Ho riletto l’articolo di quale parlavo prima. È venuto fuori il desiderio di buttare giù altre due righe.

Volevo scrivere da molto tempo un articolo sul senso della vita. Ovviamente, è un’impresa più grande di me.

Scriverò delle pillole, aggiungerò pian piano un pensiero dopo l’altro, sperando che il tutto abbia un senso compiuto.

Credo che si possa dire che le persone si dividono in tre gruppi:

– la gregge, quelli che non hanno il coraggio di fare qualcosa che non è già stato fatto e approvato da tutti (soprattutto dal vicino)

– le individualità, quelli che hanno capito sì le difficoltà cui vanno incontro, ma si buttano – calcolando ogni volta dove arriveranno con il loro salto

– i prigionieri delle brutte circostanze, che volevano essere individualità ma qualcosa è andato storto.

Sono una prigioniera. Vorrei poter parlare a tutti della bontà delle mie motivazioni, ma so che sarei giudicata solo dai risultati (Hai dei figli? Hai un lavoro a tempo indeterminato? Hai una macchina? – e dall’altra parte – Hai un progetto? Hai un piano per superare i ostacoli?).

Noi, i prigionieri, siamo la terza via. Quella che fa schifo a tutti. Quelli che, in altre circostanze, c’e l’avremmo fatta… Quelli che se solo non fossi obbligata a vivere a Bologna ma potrei cercare altrove… Quelli che se solo potrei seguire i corsi di un’altra università per reinventarmi… Quelli che se solo non fossi malato … se solo potessi non tremare dall’ansia ai colloqui di lavoro e riuscissi a mentire…

Sono molto infelice adesso. Sono stanca a non capire dove ho sbagliato.

Oggi il senso della vita e sapere che la vita ha un senso. Per la gregge, quello di restare nell’ovile. Per le individualità, quello di individuare sempre la mossa da fare per restare fedeli a loro stessi. Per me è sapere che la vita ha un senso, pur non sapendo quale. Forse solo oggi, forse per sempre.

Am recitit articolul de care vorbeam mai sus. Am simtit nevoia sa mai astern doua trei lucruri pe hartie.     

Vroiam de mult sa scriu un articol despre sensul vietii. Bineinteles, e o sarcina care-mi depaseste puterile.

Voi scrie din cand in cand cateva ganduri, adaugand cate un rand cand si cand, sperand ca rezultatul final sa aiba cat de cat sens.

Cred ca peroanele ar putea fi impartite in trei grupuri:

– turma, cei care nu au curajul de a face nimic ce nu a fost deja facut si aprobat de toti (mai ales de vecin)

– personalitatile puternice, cei care inteleg ca au in fata o multime de obstacole, dar isi calculeaza riscul ca sa vada unde pot ateriza sarind ca sa le depaseasca

– prizonierii unor imprejurari defavorabile, care ar fi dorit sa fie individualitati dar sunt urmariti de ghinion.

Eu sunt o prizoniera. As vrea sa pot tine capul sus explicandu-mi motivele, dar stiu ca as fi judecata dupa rezultate (Ai copii? Ai un loc de munca cu contract stabil? Ai o masina? – si de cealalta parte – Ai un proiect? Ai un plan ca sa rezolvi problemele?).

Noi, prizonierii, suntem cea de a treia  posibilitate. Cea care ii scarbeste pe toti. Cei care, in alte imprejurari, ar fi avut succes… Cei care: daca nu as fi obligata sa raman la Bologna mi-as cauta norocul in alta parte … Cei care: daca as putea sa fac o alta facultate as incepe – iar – o noua viata …Cei care: numai de n-as fi bolnav… daca as putea sa ma opresc din tremurat la interviurile de munca si as putea sa mai si mint din cand in cand…  

Acum sunt foarte nefericita. Am obosit tot incercnd sa inteleg unde am gresit.

Azi sensul vietii e certitudinea ca viata are un sens. Pentru turma, e cel de a ramane turma. Pentru personalitatile puternice, cel de a gasi mereu solutia pentru a fi cinstiti cu ei insisi. Pentru mine este acela de a sti ca viata are un sens, chiar daca nu stiu care este. Azi, sau pentru totdeauna.

Annunci