A un colloquio, qualche giorno fa, mi hanno chiesto cosa pensavo io fosse l’integrazione. Ho risposto di getto “la normalità”. Siccome era un colloquio ufficiale, ho parlato poi di rispetto delle regole. Ovviamente, non potevo far trasparire il mio dubbio più grande, che il modello che tutti hanno in mente dimentica chi noi siamo. Mi spiego meglio raccontandovi la mia tristezza: ho i documenti in regola, l’assicurazione medica, vivo in una casa bella in centro, sono perfettamente bilingue, ho un lavoro (lasciamo stare i particolari), vado in chiesa, mi sposerò con uno stupendo bolognese, l’unica cosa abnorme potrebbe essere il rapporto con la suocera – la adoro e mi adora. Anche la mia famiglia è perfettamente integrata. Più di così, cosa potrei volere?

Una domenica, poco fa, uscendo da un concerto (Glinka, Musorgskij, Prokofiev) sono stata colpita da un’onda di felicità indescrivibile, anche F. volava sopra le nuvole. Per me, quella era la normalità, la cosa che avrei fatto anche in Romania. Solo che era la metà. In Romania avrei avuto anche un lavoro full-time, continuato, forse a tempo indeterminato. Forse spiacevole, lontano dalle mie aspettative, ma sempre in contatto con degli colleghi.

Sulla carta, sono integrata. Riesco anche a fare quello che mi piace nel tempo libero. Manca solo il nocciolo, il quale non è la mancanza di soldi, ma la mancanza di rapporti solidi, duraturi, con delle persone appartenenti a uno stesso gruppo, gente che abbia i miei stessi interessi. Mi sento violentemente espulsa da un corpo sociale che diventa, nei miei occhi, virtuale. Stare delle ore sul computer per trovare la migliore traduzione per una parola ebraica, incontrare le colleghe mediatrici solo una volta il mese, parlare qualche volta al mese con dei romeni, sempre altri, e i specialisti italiani che gli accudiscono – sarebbe un problema anche se vincessi il malloppo alla lotteria. Lo sarebbe, anche se io fossi italiana.

In cadrul unui colocviu, cu cateva zile in urma, am fost intrebata ce inseamna pentru mine integrare. Am raspuns fara sa respir: normalitatea. Avand in vedere locul in care eram, am continuat vorbind despre respectul pentru reguli si legi. Nu era locul potrivit sa ridic intrebari in legatura cu modelul de integrare pe care ni-l propunem, care ignora cine suntem cu adevarat.

Veti intelege mai bine daca scriu despre tristetea mea: am documentele in regula, asigurarea medicala, traiesc intr-o casa frumoasa in centru, vorbesc excelent ambele limbi, muncesc (mai bine sa nu intram in amanunte), merg la biserica, o sa ma casatoresc cu un baiat bolognez minunat, unica anormalitate ar putea-o privi pe soacra – o ador si ma adora. Si familia mea e perfect integrata. Ce mi-as putea dori mai mult de atat?

O duminica, de curand, iesind de la un concert (Glinka, Musorgskij, Prokofiev) a coborat asupra mea o unda de fericire de nedescris, si F. era in al saptelea cer. Pentru mine asta inseamna normalitate, era ceea ce as fi facut si in Romania intr-o duminica, sau sambata, seara. Numai ca asta e doar jumatate. In Romania as fi avut si un loc de munca – full time, 12 luni pe an, poate chiar cu contract pe timp nedeterminat. Poate ar fi fost neplacut, departe de ceea ce imi doream, dar as fi fost mereu in contact cu niste colegi.

Pe hartie sunt integrata. Reusesc chiar sa fac ceea ce doresc in timpul liber. Lipseste doar samburele: nu lipsa de bani, ci de relatii solide, durabile, cu persoane care sa apartina unui grup, lume cu care sa impartasesc interese comune. Ma simt expulsa cu violenta din corpul social care devine, pentru mine, o constructie virtuala. A sta ore in sir cu ochi in computer ca sa caut cea mai buna traducere pentru un concept teologic in limba engleza, a-mi intalni colegele mediatoare doar o data pe luna, a vorbi cateodata, rar de tot, cu romani, mereu altii, si specialistii care se ocupa de problemele lor – ar fi problematic si daca as castiga lozul cel mare la loterie. Si daca as fi italianca.

Annunci