Azi bunicul Iosif Dejeu ar fi implinit 100 de ani. Duminica l-au sarbatorit la Vintere, ultimul sat in care a slujit ca preot in 1948. Erau prezenti Arhiepiscopul de Oradea, Virgil Bercea, preoti si locuitori ai orasului, printre care si o doamna care il cunoscuse, si isi aducea aminte bine de el.

Mai mult decat povestea vietii lui – pe care o cunosc de cand eram mica – ma emotioneaza de fiecare data fraza pe care a scris-o Preasfintitul Iuliu Hirtea, caruia i-a fost pentru un timp secretar: “Iosif a fost un om vrednic. Daca Diogene l-ar fi cunoscut pe el, nu s-ar mai fi simtit nevoit sa aprinda nicio lampa spre a cauta, cu ajutorul ei, in miezul zilei, un OM”.

Odihneste-te in pace, “bunule Preot Dejeu”, sacrificiile tale si curajul tau nu au fost in zadar. Biserica noastra iti multumeste, toata, si noi suntem toti mandrii ca ne curge in vine sangele tau.

Eu sunt doar un pic geloasa, pentru ca in ziua in care se implineau 42 de ani de la moartea ta l-ai chemat la tine pe tati.

 

Sono 100 oggi dalla nascita del nonno Iosif Dejeu, la chiesa Greco Cattolica cui prete è stato con coraggio e onesta vicino al martirio lo ha festeggiato domenica nella chiesa di Vintere, dov’è stato parroco fino al 1948, quando il nostro culto è stato dichiarato illegale dal governo comunista.

Rilego nel volantino la storia della sua vita, che conosco tanto bene, e mi emoziono. Poi rilego la fase scritta nella lettera di condoglianze dal Vescovo Iuliu Hirtea, cui aveva fatto per un periodo da segretario, che credo di aver già pubblicato in un post “Iosif era un uomo degno. Se Diogene l’avesse conosciuto non avrebbe più sentito il bisogno di accendere nessuna lanterna per cercare, di giorno, un UOMO”

Sono fiera, e anche un po’ gelosa: quest’anno, 42 anni dalla sua morte, papà è andato a trovarlo.

 

Annunci